martedì 21 febbraio 2017

RECENSIONE | "Sidney Chambers e l'Ombra della Morte" di James Runcie

Buongiorno lettrici e lettori! Benvenuti ai nuovi amici e bentornati a chi mi conosce già. Ho deciso di inaugurate il lit-blog con la recensione della mia ultima lettura, Sidney Chambers e l'Ombra della Morte dell'autore britannico James Runcie (che forse qualcuno conosce per il documentario J.K. Rowling: A Year in the Life).

Sidney Chambers e l'Ombra della Morte
di James Runcie
Ed: Vallardi - 363 pagine
Brossura: 14.37 euro - Ebook: 9.99 euro

Inghilterra, anni Cinquanta. Alla piccola e apparentemente idilliaca cittadina di Grantchester, nella contea di Cambridge, non manca nulla, nemmeno la giusta dose di intrighi e misteri. Per questo motivo e per un'eccentrica inclinazione personale, il reverendo Sidney Chambers non si occupa solo delle anime dei suoi parrocchiani, ma anche dei loro segreti... Giovane, attraente e scapolo, amante del jazz ed ex soldato tormentato dai ricordi di guerra, Sidney Chambers ha un'innata passione per l'investigazione. Così, quando una serie di casi misteriosi e inquietanti sconvolge la pace di Grantchester, decide di aiutare lo scontroso ispettore Keating a risolverli, riuscendo a penetrare cuori e segreti, là dove il poliziotto deve fermarsi.

 
Bellissimo!

Prima di tutto una doverosa premessa: non si tratta di un romanzo, ma di una raccolta di racconti. Sembra in tutto e per tutto la serie tv che ne è stata tratta, con i medesimi personaggi e vicende molto simili. Lo dico non perché sia un problema, ma perché non tutti amano i racconti brevi e quindi credo vada specificato. Io personalmente ho apprezzato molto questa scelta, ha reso la lettura più dinamica e scorrevole.
La trama dei racconti non è "gialla" in senso classico: non si basa sull'enigma della camera chiusa, tanto per dirne una, né consente sempre al lettore di arrivare al colpevole prima del protagonista, ciononostante non trovo che il volume ne risenta, soprattutto considerando che, appunto, si tratta di racconti e come tali non permettono uno sviluppo approfondito come consentirebbe un intero romanzo. Condensare un giallo intero in 80 pagine non è facile e trovo che Runcie sia decisamente capace di farlo; naturalmente ci sono stati racconti che mi hanno conquistata e altri che invece mi sono piaciuti meno, ma nell'insieme posso dirmi soddisfatta.

Risulta palese che Runcie si è dato da fare nella ricerca storica: da questo punto di vista sono moltissime le nozioni che sparpaglia qua e là per dare una visione d'insieme all'Inghilterra degli anni '50. Per un'amante del periodo come me, questo libro è stata una costante fonte di informazioni (soprattutto musicali: Sidney è un grande appassionato di jazz). Non posso che dirmi soddisfatta di tutte le note che si trovano nel volume, che forniscono spiegazioni al lettore ma allo stesso tempo non appesantiscono la trama con informazioni ridondandi.

Un appunto devo farlo alla traduzione italiana: in più punti mi sono resa conto che sono stati tradotti in modo letterale alcuni modi di dire. Un esempio: Sidney riceve una bottiglia di vino molto pregiato e dice "non sembra un uovo"; ora, la dicitura "doesn't look like an egg" è un po' come il nostro "non sono spiccioli", "mica patate" in riferimento a qualcosa di grande valore, come guardare una Lamborghini e dire "beh, non sono certo spiccioli". Tradurlo "non sembra un uovo" risulta privo di senso.

Nel complesso è un bellissimo volume: compatto, la copertina è davvero bella, sembra una vecchia cartolina in stile (e qui io sono andata in brodo di giuggiole) e anche la costa è molto graziosa, con il titolo leggermente lucido. Da questo punto di vista non vedo l'ora di avere tutti i libri della serie in bella mostra sulla libreria, uno di fianco all'altro (anche l'occhio vuole la sua parte, no?).

Della trama sono pienamente soddisfatta, non ho nulla da eccepire. Non posso dire di essermi affezionata particolarmente al protagonista, Sidney Chambers, in compenso sono terribilmente innamorata del personaggio di Amanda Kendall, spero di incontrarla ancora nel corso dei prossimi casi!

2 commenti:

  1. Recensione ben fatta e libro interessante. Non conoscevo l'autore, chissà che un giorno legga qualcosa di suo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto!
      Se dovessi recuperare questi libri fammi sapere cosa ne pensi :)

      Elimina